Come il sistema dei Chakra è collegato alla prostata

Come il sistema dei Chakra è collegato alla prostata

I Chakra sono conosciuti ormai a tutti, se ne è parlato tanto e si continua a farlo in diversi ambienti e differenti livelli di approfondimento. Chi pratica yoga o meditazione sicuramente è a conoscenza del fatto che i Chakra vengono considerati come parti del nostro corpo e posizionato alcuni specifici minerali in punti precisi, questi possano stimolarli ad aprirsi sprigionando la loro energia.

Il discorso è molto ampio e complesso ma proviamo a spiegarlo in breve concentrandoci maggiormente sui Chakra che coinvolgono la prostata ricollegandoci alla vita quotidiana, quindi alla realtà di ogni giorno.

Cosa sono i Chakra?

Iniziamo a comprendere di cosa stiamo parlando prima di andare sull’argomento di questo articolo. Chakra significa ruota o cerchio, questa denominazione viene riferita ai centri di energia che sono posti in ogni parte del corpo. I centri energetici sono i punti in cui si concentra il flusso di energia e sono invisibili ad occhio umano in quando si trovano sia all’interno che all’esterno del corpo.

Questi centri si collegano tramite i meridiani energetici che sono stati dimostrati in termini scientifici oltre ad altri sistemi energetici. I Chakra rappresentano solo uno degli 8 sistemi di energia descritti dagli esperti in Medicina Energetica. Si tratta, in pratica, di una rete complessa di canali energetici in grado di collegare le ruote mappando ogni parte del corpo, ad esempio, come accade con il sistema nervoso.

Esistono 7 Chakra fondamentali e sono i più grandi, questi sono posizionati lungo la spina dorsale. Ognuno di essi è un centro energetico, dove per energia si intende una grande forza vitale che dà la vita e sveglia la coscienza. La verità è che nessuno è ancora in grado di capire da dove nasca questa fonte energetica o di quali elementi sia costituita. Nonostante ciò, con i Chakra si riesce a spiegare il movimento di forza vitale del corpo e degli organi, il bilanciamento dei 7 Chakra aiuta a curare molti disturbi e sbloccare le limitazioni della propria vita.

I Chakra e la prostata: qual è il legame?

La ghiandola prostatica viene associata a muladhara ovvero il Chakra della radice, si tratta del punto energetico che riguarda i processi vitali di eiaculazione, minzione e defecazione. L’associazione effettuata dalle tradizioni yogiche è associata all’elemento terra.

Il primo Chakra di cui stiamo parlando è la sede della necessità di sopravvivere che riguarda gli spermatozoi e regola la procreazione, ovvero la riproduzione per la sopravvivenza della specie. Inoltre si trova un collegamento tra il secondo Chakra e la prostata, si tratta di svadhisthana dove trova sede l’elemento acqua. Svadhisthana Chakra è in grado di regolare ogni aspetto non procreativo legato alla sessualità in senso sia puramente erotico che affettivo. Ogni aspetto legato alla sessualità in senso sia positivo che distruttivo o di dipendenza, è connesso a questo secondo canale energetico.

Ogni squilibrio o blocco dell’energia associato al primo oppure al secondo Chakra può portare a sviluppare un disturbo della prostata anche grave come il tumore prostatico. Si capisce facilmente, quindi, che la prevenzione e la cura dei problemi prostatici richiedono di affrontare il tema sessuale in ogni sua parte. Ciò comprende anche la procreazione e l’energia generativa oltre a quella creativa legata alla sessualità. Se è presente un approccio giovanile o infantile che non è ben integrato con la sessualità, può provocare un danno alla salute portando all’infiammazione della prostata o allo sviluppo del cancro prostatico. Tutto questo causa un comportamento malsano che danneggia la ghiandola prostatica in modo diretto, inoltre una creatività bloccata si collega al secondo Chakra creando patologie e disturbi sempre diretti alla prostata.

Riassumendo, ogni volta che nella vita di un uomo si vengono a creare situazioni difficili da risolvere e collegati con il primo o il secondo Chakra, il corpo cerca di trovare una soluzione in autonomia. Si vengono così a formare i sintomi fisici.

IL RIMEDIO N.° 1 IN ITALIA PER ELIMINARE I PROBLEMI ALLA PROSTATA

Prostatricum

  • Normalizza la minzione

  • Neutralizza sintomi e dolore

  • Ripristino erezione

  • Elimina la causa della prostatite

Caratteristiche del Chakra della radice e del Chakra sacrale

Ogni Chakra ha funzioni e reazioni differenti, analizziamole una per una per comprendere meglio come riportarli o mantenerli in equilibrio per ottenere una buona salute generale e della prostata oltre che dei rapporti sessuali.

Caratteristiche del primo Chakra della radice

Il radicamento. Il primo punto energetico rappresenta il forte legame con Madre Terra.
La stabilità. Sicurezza stabile del mondo consente di mantenere i piedi per terra.
Le fondamenta. Il Chakra della radice rappresenta le radici su cui basare la crescita spirituale e personale, non esiste crescita se non ci si sente sicuri e al sicuro.
La fisicità. Reazioni rapide verso il benessere fisico.
La sopravvivenza, ovvero la capacità di innescare il sistema che dona la forza di reagire e trovare sempre una soluzione attraverso la lotta diretta o la fuga, tutto basato sulle possibilità di sopravvivere.
L’istinto. Una caratteristica che è responsabile degli istinti primordiali e ancestrali che sono legati all’antico senso della sopravvivenza ad ogni costo.

Caratteristiche del secondo Chakra sacrale

Si tratta del Chakra sessuale che regola molte parti importanti da cui nascono anche le emozioni.

L’emotività. Parte che rende popolarità le emozioni personali.
Il piacere che si occupa della gioia e del puro piacere sessuale ma non solo, si intende infatti anche il godersi la vita tramite i sensi. Questo è fondamentale per ottenere un benessere emotivo stabile.
La sensualità. Il secondo Chakra permette di comprendere e sviluppare la connessione intima con altre persone.
La creatività, ovvero il risveglio delle espressioni più profonde e cretive che consento l’esplorazione di idee innovative stimolando l’immaginazione. Gli artisti presentano una grande apertura del Chakra sacrale.
La passione, intesa come energia rappresentativa di questo Chakra che dà via libera alla scoperta di ciò che crea piacere sia a livello emotivo che fisico.

Come equilibrare il primo Chakra?

Il primo Chakra Muladhara, la radice, regola la connessione con tutto il mondo che vive intorno, si tratta di un punto energetico che collega le emozioni di un adulto agli avvenimenti che ha attraversato nella sua vita. Questo Chakra riguarda quindi anche l’infazia vissuta e aiuta a comprendere il presente guardando il passato. Riportando questo centro energetico in equilibrio ci si scopre in pace con il mondo e con se stessi, quindi si sviluppa benessere e si annienta lo stress e l’ansia.

Come equilibrare il secondo Chakra

Il Chakra sacrale è connesso alle emozioni profonde, alla passione e la sensualità legati a doppio filo con la creatività e l’immaginazione. L’elemento collegato è l’acqua quindi con un’energia fluida che ben si adatta a diverse situazioni. Le funzionalità del secondo Chakra stabilita dal piacere, quando questo punto energetico è in equilibrio si ha un ottimo rapporto con il mondo e con le altre persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi il Migliore integratore per Prostatite + Consulenza telefonicaClicca qui