Grassi e prostata

Grassi e prostata: tutto quello che devi sapere

Quali sono i cibi indicati per la salute della prostata? Sono tantissimi gli uomini affetti di prostatite che si chiedono se è possibile trattare questa condizione attraverso un’alimentazione specifica.

La dieta svolge un ruolo fondamentale nella cura della prostatite: nella maggior parte dei casi infatti, le infiammazioni alla ghiandola prostatica compaiono proprio a causa di uno stile di vita errato e di una cattiva alimentazione basata ad esempio sul consumo eccessivo di alcolici e di cibi grassi.

Occorre dunque adottare delle sane abitudini in grado di prevenire ed alleviare i fastidiosi sintomi della prostatite e tutelare al meglio la salute della prostata seguendo una dieta bilanciata e salutare. Analizziamo nel dettaglio quali sono gli effetti che i grassi possono avere sulla salute della prostata e come è possibile alleviare i disturbi della ghiandola prostatica.

Che cos’è la prostata?

La prostata è una ghiandola unicamente maschile di piccole dimensioni collocata al di sotto della vescica, per questo motivo la presenza di infiammazioni può coinvolgere anche gli organi circostanti. Lo sviluppo e la funzionalità della prostata dipende proprio dal testosterone: grazie a questa ghiandola viene prodotto il liquido seminale nell’uomo.

Il liquido prostatico contiene un’elevata quantità di enzimi che sono essenziali per la sopravvivenza e la qualità degli spermatozoi. Se un soggetto soffre di prostatite corre anche il rischio di sviluppare problemi e disagi durante l’eiaculazione, come l’eiaculazione precoce, oppure può manifestare episodi di impotenza e disfunzione erettile.

Ciò avviene proprio per via dell’ingrossamento della ghiandola prostatica che può portare a delle conseguenze a livello della vescica e dell’apparato genitale maschile, tra cui un dolore al pene, ai testicoli e bruciore durante la minzione.

Dunque la prostatite è tra le principali patologie che può colpire la prostata e compare solitamente negli uomini dai 40 anni in su ma in alcuni casi può insorgere anche nei soggetti più giovani.

Prostatite: di cosa si tratta?

Per comprendere i migliori rimedi contro la prostatite è bene analizzare nel dettaglio in cosa consiste tale patologia. La prostatite è un’infiammazione della ghiandola prostatica, che generalmente provoca dolore intenso lungo varie aree tra cui la vescica e l’organo genitale maschile. La maggior parte degli uomini che soffre di prostatite lamenta infatti una sensazione di difficoltà e bruciore nell’espellere l’urina.

I disturbi della prostatite possono peggiorare col passare degli anni ed estendersi anche in altre zone come il pene, l’ano, l’area perineale, i testicoli, l’inguine fino ad irradiarsi all’interno delle cosce.

Inoltre la prostatite può presentarsi in diverse forme: vi è la prostatite acuta, cronica e batterica. In alcuni casi, come ad esempio negli uomini più giovani, può verificarsi l’insorgere della prostatite asintomatica.

La prostatite di tipo asintomatico può colpire i soggetti intorno ai 30 anni i quali non si accorgono assolutamente della presenza dell’infiammazione. Con l’avanzare dell’età, i sintomi iniziano a comparire fino a rendere davvero complicata la routine quotidiana.

Tra i principali disturbi della prostatite è bene infatti considerare quello inerente alla disfunzione erettile e alla difficoltà di minzione, che porta molti soggetti a doversi alzare ripetutamente durante la notte per la sensazione di dover urinare.

Quali sono i trattamenti adeguati per curare la prostatite?

I fattori scatenanti della prostatite possono variare da persona a persona. La prostatite di origine batterica viene trattata mediante l’assunzione di antibiotici mentre per la prostatite acuta e cronica vengono utilizzati farmaci antinfiammatori, nonché ulteriori terapie per alleviare la difficoltà di minzione.

Per curare la prostatite ed ottenere gli effetti desiderati è altrettanto necessario intraprendere uno stile di vita sano: non bisogna infatti sottovalutare l’importanza di una dieta equilibrata evitando cibi come spezie, grassi ed alcolici che possono alterare tale condizione.

I cibi grassi fanno bene o male alla prostata?

Curare la prostatite significa anche intraprendere un valido regime alimentare che permette di mantenere costante il peso forma, assimilare tutti i principi nutritivi di cui il corpo ha bisogno e stare in forma.

In questo modo è possibile prevenire l’insorgere di numerose patologie tra cui i disturbi alla prostata, il diabete e le malattie cardiovascolari.

L’idratazione è importantissima per favorire l’eliminazione di scorie e tossine in eccesso, pertanto si consiglia di bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno evitando bibite gassate e zuccherate, alcolici e caffè.

Per quanto riguarda l’alimentazione è bene seguire alcune importanti abitudini a a partire dai grassi: gli alimenti che contengono un’elevata quantità di grassi animali, ossia grassi saturi, devono essere ridotti il più possibile mentre si consiglia di consumare cibi ricchi di vitamine, minerali e fibre come frutta, verdura, legumi, cereali integrali e pesce. Sono da evitare anche gli alimenti speziati ed eccessivamente piccanti in quanto potrebbero provocare un peggioramento dell’infiammazione.

Esistono tuttavia dei cibi grassi che apportano molteplici benefici alla salute della prostata purché non si ecceda nelle quantità: si tratta dei grassi di tipo insaturo che si trovano all’interno dei vegetali come frutta secca, pesce ed oli. Il pesce azzurro ad esempio, ricco di omega 3, può rivelarsi un ottimo alleato per la salute della prostata.

Quali sono i migliori integratori in caso di prostatite?

Alcuni integratori presenti sul mercato sono in grado di alleviare i sintomi della prostatite. È bene però tenere a mente che non tutti gli integratori sono efficaci per combattere la prostatite.

Per questo motivo è fondamentale puntare a formule di elevata qualità 100% naturali che non provocano effetti indesiderati sulla salute. Un buon integratore per combattere la prostatite associato ad uno stile di vita sano basato su una regolare attività fisica permette di ottenere un netto miglioramento dei sintomi in tempi brevi.

Ecco l’integratore che al momento va per la maggiore e risulta essere efficace in molti casi:

IL RIMEDIO N.° 1 IN ITALIA PER ELIMINARE I PROBLEMI ALLA PROSTATA

Prostatricum

  • Normalizza la minzione

  • Neutralizza sintomi e dolore

  • Ripristino erezione

  • Elimina la causa della prostatite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi il Migliore integratore per Prostatite + Consulenza telefonicaClicca qui