Monuril

Monuril funziona per la prostatite?

Il Monuril funziona per la prostatite, quando lo si può utilizzare, serve la ricetta medica per acquistarlo? In questa guida risponderemo a tutte queste domande, e anche ad altre, relativamente al problema della prostatite. Questa è un’infiammazione delle vie urinarie e specifica proprio della prostata che colpisce moltissimi maschi a qualsiasi età. Scopriamo qui come curarla con il Monuril.

Cos’è la prostatite?

La prostatite è un’infiammazione della ghiandola prostatica, ma può anche interessare particolarmente il primo tratto di uretra che appunto attraversa la prostata. Si tratta di un problema molto diffuso e scatenato da diversi fattori; in media interessa dai 3 ai 5 uomini sessualmente attivi su 10 e vengono colpiti soprattutto gli under 50. Per esempio questa infiammazione può scaturire da alti livelli di stress, da un abbassamento delle difese immunitarie, da una scarsa igiene, da rapporti sessuali non protetti e assidui, ecc.

N.B. Prima di procedere ad acquistare il Monuril, o altri farmaci, è bene identificare il problema ed eventuali cause scatenanti con uno specialista, con il tuo medico o anche con il farmacista.

Quali sono i sintomi della prostatite?

La prostatite si manifesta con diversi sintomi, anche facili da riconoscere perché fastidiosi e dolorosi. Questi però si possono manifestare non necessariamente all’unisono, ma ne può bastare uno o due per far accorgere il paziente della presenza dio infiammazione prostatica. Per esempio possono comparire, anche da un giorno con l’altro:

• continuo stimolo ad urinare, anche se di fatto la minzione è spesso nulla;
• continuo e persistente stimolo ad urinare soprattutto la notte;
• dolore e fastidio durante la minzione, specie interessante il tratto urinario;
• dolore e sensazione di pesantezza al basso ventre, bassa schiena e area genitale;
• dolore durante la masturbazione e il rapporto sessuale;
• eiaculazione precoce;
• dolore durante l’eiaculazione.

Cos’è il Monuril?

Il Monuril è un farmaco molto utilizzato e specifico per il trattamento delle infezioni delle basse vie urinarie. Si tratta di un prodotto ad azione antibatterica ad ampio spettro e composto da Fosfomicina trometamolo; può essere utilizzato sia dalle donne che dagli uomini. Il farmaco va prescritto, mediante ricetta, direttamente dal medico curante.

N.B. Per curare la prostatite, e ancora prima per identificare nel dettaglio la problematica delle vie urinarie e della prostata, è bene evitare il fai da te e rivolgersi al medico. Il trattamento farmacologico per la prostatite però spesso va protratto per diverse settimane e sono consigliabili, in via generica, antibiotici e/o antibatterici che siano in grado di penetrare profondamente nel tessuto prostatico.

Il Monuril funziona per la prostatite?

Il Monuril è un farmaco molto utilizzato per la cura della cistite femminile. Le donne hanno di per sé un tratto urinario molto più breve, in media di circa 7 cm contro il 12 di media degli uomini. Il Monuril non è l’ideale per la cura della prostatite perché per alleviare ed eliminare l’infezione batterica o infiammazione scatenante è necessario utilizzare farmaci che riescano a penetrare in modo adeguato fino alla prostata e nelle aree interessate. Il Monuril invece è un prodotto sì efficace e antiinfiammatorio-antibatterico ma che viene anche eliminato in fretta mediante la stessa minzione. La sua efficacia non è adeguata a risolvere efficacemente e profondamente la prostatite, a meno che non si tratti di una lievissima infiammazione, ma sarà l’urologo o il medico ad indicare, caso per caso, il farmaco più adeguato.

Se invece si prediligono rimedi naturali, potrebbe essere anche da prendere in considerazione un integratore come Prostraticum e Prostatricum PLUS. Ovviamente dipende dal tipo di disturbi che si hanno ed è buona prassi sentire prima il parere medico.

IL RIMEDIO N.° 1 IN ITALIA PER ELIMINARE I PROBLEMI ALLA PROSTATA

Prostatricum

  • Normalizza la minzione

  • Neutralizza sintomi e dolore

  • Ripristino erezione

  • Elimina la causa della prostatite

Quali farmaci per curare la prostatite?

Quali farmaci utilizzare per curare la prostatite? Per alleviare ed eliminare le infiammazioni del tratto prostatico è necessario sempre rivolgersi al medico curante e/o all’urologo. Sarà questo a verificare la gravità dell’infiammazione e ad identificarla o meno con la prostatite. Fatto ciò troverà il farmaco più adeguato e la posologia idonea al problema specifico del paziente. Detto ciò, in generale i farmaci per curare la prostatite sono:

i fluorochinoloni, che sono antibiotici per uso orale ideali per prostatite sia acuta che cronica;

gli antibiotici a largo spettro, come penicilline o cefalosporine che spesso vengono iniettati specie nei pazienti ospedalizzati;

i FANS, antidolorifici e antinfiammatori da assumere per via orale che placano soprattutto il dolore;

i farmaci alfa-bloccanti, che rilassano al muscolatura nell’rea urinaria-vescicale e che possono aiutare ad alleviare alcuni sintomi della infezione prostatica.

N.B. Come già detto nella cura della prostatite è bene evitare il fai da te e ricorrere al medico, sempre, anche se il fastidio è lieve. Solo lui potrà prescrivere il farmaco ideale e molti di quelli sopra citati, quasi tutti, necessitano infatti di ricetta medica per l’acquisto.

Come prevenire la prostatite?

Sì, la prostatite si può prevenire ed è consigliabile attuare buone abitudini quotidiane per scongiurare questa infiammazione anche molto dolorosa e fastidiosa. Per esempio è bene:

• curare l’igiene intima e personale in generale senza esagerare e prediligendo detergenti adeguati non aggressivi ed evitare spugne e salviette non pulite;
• avere rapporti sessuali protetti e curare anche qui l’igiene lavandosi bene anche dopo il coito;
• bere molta acqua durante il giorno e prediligere una dieta ricche di fibre per depurare l’organismo adeguatamente;
• consumare frutta e verdura ogni giorno per garantirsi un apporto di minerali e vitamine adeguato e che non farà abbassare le difese immunitarie specie nei ambi di stagione;
• condurre una vita sana evitando eccessi, sostanze stupefacenti, fumo e alcool;
• fare regolare attività fisica;
• effettuare visite urologiche preventive;
• rivolgersi subito al medico in caso di perdite urinarie improvvise e se compaiono tracce di sangue nella minzione.

Quali sono i rimedi naturali per pervenire la prostatite?

Esistono sistemi naturali per prevenire la prostatite e in generale per evitare infiammazioni alle vie urinarie. Basterà consumare semplicemente più acqua durante il giorno e alimentarsi in modo sano, ma possono dare una grossa mano anche le tisane, i decotti e gli integratori alimentari. Rivolgendosi al medico e anche all’erborista o farmacista si potranno acquistare ad esempio prodotti blandi ma efficaci e privi di controindicazioni quali:

tisane di ortica (in foglie e/o radice) e/o integratori che la contengono;
l’equiseto il suo fusto essiccato per tisane e integratori;
la gramigna, il suo rizoma per tisane e integratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi il Migliore integratore per Prostatite + Consulenza telefonicaClicca qui