Viagra funziona per la prostatite?

Viagra funziona per la prostatite?

Sono numerosi gli uomini affetti da prostatite i quali si ritrovano a combattere con una serie di sintomi e disturbi. Esistono tuttavia alcuni farmaci che possono essere presi in considerazione per combattere gli episodi di disfunzione erettile. Per comprendere quali sono gli effetti di questi medicinali occorre innanzitutto essere ben informati sulla prostatite, come si manifesta, quali sono le cause e come è possibile intervenire su questa patologia. Il Viagra funziona sulla prostatite oppure può causare effetti indesiderati?

Prostatite: di cosa si tratta?

La prostatite è una malattia che colpisce la prostata: si tratta di un’infiammazione della ghiandola prostatica che si manifesta in tantissimi uomini sotto forma di lieve o grave entità. Generalmente l’ingrossamento della prostata tende ad insorgere intorno ai 45 anni ma può anche comparire in soggetti più giovani portando ad una serie di conseguenze invalidanti.

La ghiandola prostatica è situata in prossimità della vescica che si trova intorno al condotto uretrale: il suo compito è quello di produrre gli ormoni tipici dell’uomo. Tale infiammazione è un fenomeno da non sottovalutare poiché se trascurata può andare incontro ad una serie di alterazioni tra cui:

• iperplasia prostatica benigna;
• prostatite acuta o cronica;
• cancro alla prostata.

Quali sono le cause della prostatite?

Le cause della prostatite scaturiscono da lesioni provocate da agenti batterici e patogeni che a loro volta causano l’insorgere delle infiammazioni della prostata. Questi fenomeni si contraddistinguono in origine batterica e non batterica.

Quali sono i sintomi della prostatite?

La prostatite può dare vita ad una serie di disturbi e sintomatologie in base all’entità della patologia. I sintomi possono anche essere differenti se si tratta di prostatite batterica o non batterica.

I soggetti affetti da prostatite hanno, nella maggior parte dei casi, difficoltà durante la minzione e avvertono sensazione di bruciore, talvolta abbinata a prurito di media e lieve entità. Inoltre avvertono frequentemente la necessità di urinare e possono anche manifestarsi tracce di sangue nelle urine. In altri casi invece la prostatite può anche causare la febbre a 39.

Quando si tratta di lesioni di grave entità possono manifestarsi i seguenti disturbi:

• i soggetti affetti da prostatite avvertono dolore ai testicoli;

• in presenza dell’infiammazione alla ghiandola prostatica, gli orgasmi tendono ad essere dolorosi;

• si avverte una sensazione di dolore e bruciore all’altezza dell’inguine e lungo la parte bassa dell’addome;

• si riduce notevolmente il desiderio sessuale dando vita ad episodi di impotenza e disfunzione erettile.

Come viene diagnosticata la prostatite?

Generalmente la prostatite viene diagnosticata mediante degli esami specifici come analisi delle urine, esami del sangue ed ecografia. Una volta che lo specialista ha diagnosticato la presenza della patologia fornirà la terapia più adeguata per contrastare i disturbi.

Quali sono i tipi di prostatite?

La prostatite può essere sia di tipo acuto che cronico. Solitamente la prostatite di origine acuta, se diagnosticata in tempi brevi, viene trattata con l’assunzione di antibiotici.

In presenza invece di prostatite cronica, che si manifesta solitamente con bruciori, prurito e dolore durante la minzione e gli orgasmi, possono essere effettuati dei massaggi specifici in grado di stimolare la produzione di batteri buoni capaci di contrastare le infezioni dell’uretra in associazione ad ulteriori trattamenti adeguati.

Quali sono i trattamenti indicati per curare la prostatite?

I trattamenti per curare la prostatite possono variare da caso a caso a seconda delle condizioni e della gravità dei disturbi. Generalmente vengono somministrate supposte, pillole, antibiotici o farmaci specifici durante la fase iniziale de problema.

La prevenzione tuttavia svolge un ruolo fondamentale per evitare l’insorgere della prostatite: solitamente esistono alcune terapie e trattamenti in grado di tenere alla larga la patologia tra cui uno stile di vita sano associato ad una regolare attività fisica ed un’alimentazione corretta ed equilibrata.

Il Viagra funziona per la prostatite?

Gli uomini affetti da prostatite, come accennato, possono andare incontro ad una serie di disturbi che compromettono non solo le normali attività quotidiane ma possono anche rovinare la sfera intima a causa di episodi sempre più frequenti di disfunzione erettile.

Sono in molti quindi a chiedersi se i farmaci per problemi di erezione siano in grado di rivelarsi un valido trattamento per contrastare l’impotenza.

I farmaci come il Viagra intervengono sui problemi legati alla disfunzione erettile e ognuno di essi assicura i medesimi effetti incrementando i livelli di ossido nitrico nel corpo, ossia favoriscono una maggiore elasticità permettendo ai vasi sanguigni di aprirsi e distendersi. Grazie a queste proprietà è possibile mantenere più a lungo le erezioni, renderle più vigorose e aumentare la durata dei rapporti sessuali.

Distendere i vasi sanguigni infatti permette di aiutare numerosi soggetti affetti da prostatite in quanto tale azione favorisce una sorta di rilassamento dei tessuti. Inoltre i disturbi principali dell’infiammazione alla ghiandola prostatica possono manifestarsi al tratto urinario tanto che numerosi uomini riscontrano difficoltà ad urinare, avvertono una frequente necessità di minzione anche durante la notte e in altri casi esercitano un vero e proprio sforzo.

È stato riscontrato un netto miglioramento negli uomini affetti da ingrossamento della prostata in seguito all’assunzione di Viagra o farmaci per la disfunzione erettile anche se non è ancora ben chiaro come il meccanismo di azione di questi medicinali riesca ad apportare degli effetti positivi sulla prostatite.

È bene però comprendere che, come avviene per i farmaci indicati per trattare i fenomeni d’impotenza, rilassare e distendere i vasi sanguigni del pene può rivelarsi un valido aiuto per rilassare anche i muscoli della vescica, contrastando efficacemente i disturbi della prostatite. Negli ultimi anni è stato inoltre dimostrato che i farmaci per la disfunzione erettile possono anche aiutare i soggetti a svuotare del tutto la vescica apportando di conseguenza un netto miglioramento alle loro condizioni.

Alternativa al Viagra senza ricetta

Esistono degli integratori naturali come l’Eretron Aktiv che non necessitano della ricetta medica.

 

Eretron Aktiv
Eretron Aktiv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi il Migliore integratore per Prostatite + Consulenza telefonicaClicca qui